giovedì 3 maggio 2007

Lampadine a basso consumo energetico


Le lampadine fluorescenti a basso consumo sono una cosa bellissima. Fanno risparmiare molta energia elettrica e il mondo ringrazia. Tutti dovrebbero usarle, comprarle e montarle a casa propria in tutti i casi in cui è possibile. C'è una sola controindicazione: contengono mercurio e altre sostanze pericolose. Quindi se non vengono smaltite correttamente, provocare danni all’ambiente. Quindi: Smaltitele correttamente e non buttatele nella spazzatura. Conferitele all'isola ecologica oppure in appositi centri di smaltimento.


[La presenza di mercurio e polveri fluorescenti, sostanze nocive per la salute dell’uomo e inquinanti per l’ambiente, costringono a classificare queste lampadine come rifiuti pericolosi. Il recente aumento delle concentrazioni di mercurio nell’atmosfera è, infatti, legato al processo di industrializzazione che, nell’ultimo decennio del XX secolo, ha causato un incremento delle emissioni atmosferiche, visto che il mercurio rappresenta un materiale di scarto del carbone e viene usato nelle industrie dei metalli, dei cementifici e delle industrie chimiche. A questi si aggiungono utilizzi in altri settori quali il sanitario, l’agricoltura ma, soprattutto, l’elettronica. Il mercurio liquido, invece, disperso nell’ambiente, rientra facilmente nella catena alimentare e risulta pericoloso per il sistema neurologico, cardiovascolare, immunitario e riproduttivo] Fonte: www.e-gazzette.it

6 commenti:

iorio ha detto...

wow!
potresti aprire un nuovo canale digitale: "discovery pietro"

cmq hai pienamente ragione!

Miky ha detto...

Caspita, quante cose si imparano!
Questo blog lo potremmo chiamare WIkiPietro!

Anonimo ha detto...

volevo porti una domanda, caro mec; è vero che si accorcia il periodo di esercizio delle lampade a basso consumo se vengono accese e spente frequentemente come quelle a incadescenza? grazie!!!!

Mec ha detto...

Sono abbastanza propenso a risponderti si.
Soprattutto per l'usura subita dagli elettrodi nelle fasi di accensione e spegnimento.


Wikipedia chiarisce tutti i dubbi in merito: Voce Wikipedia

Il problema invece non sussiste invece per le lampadine a incandescenza.
Insomma per la luce della cantina che accendi per 1 minuto 2 volte al giorno è decisamente meglio una lampadina a incandescenza da 60 Watt.
Per questo motivo sono ancora un po' scettico riguardo ad un eventuale obbligo di rendere disponibili in commercio in un prossimo futuro solo le lampadine a basso consumo.

Forse però con le nuove generazioni di lampadine a basso consumo questo problema o questa usura tenderà sempre più ad attenuarsi o già adesso è risolto. Questo non saprei dire, bisognerebbe domandare a Pietro Beghelli :-)

Anonimo ha detto...

se ho capito bene le nuove lampadine contengono mercurio ed altre sostanze nocive.... ma vi immaginate quanta gente le buttera nella spazzatura perche non ha tempo o non è al corrente o perche sono persone anziane o perche.... quindi andiamo avanti con l'inquinamento, soprattutto di mercurio. Bravi agli inventori di tali lampadine. Anche perche a questo punto le societa elettriche aumenteranno spudoratamente le tariffe

Mec ha detto...

Come si dice in questi casi "da un grande potere derivano grandi responsabilità".
Non siamo in un mondo perfetto e non possiamo pretendere dalla scienza e dalla tecnologia lampadine che non consumino ma che facciano luce e nemmeno inquinino.
Anche le medicine che servono per curare determinate patologie possono avere effetti collaterali, altre addirittura li provocano sicuramente, ma non per questo non vengono prescritte.
Ogni cosa va usata nel giusto modo, e magari tra qualche anno si svilupperanno tecnologie migliori, ma se cominciamo con la storia dei se e dei ma allora possiamo anche ritornare a vivere tutti nelle caverne.
Il problema che sollevi sussiste, ma la conclusione che trai è assolutamente reazionaria e pessimistica.